Basta vedere le foto delle vigne per capire che per fare il vino in questa tenuta di Carloforte ci vuole tanta passione e grande forza di volontà. Al limite dell’ossessione e della testardaggine!

Maurizio Armeni ha sicuramente queste qualità, perché senza non sarebbe riuscito a domare la pietrosa collina di Valacca per piantare Carignano e Vermentino. Il tempo gli ha dato ragione: a Mare Mosto ho scoperto vini equilibrati e con grande personalità. Del Vermentino ho già parlato diffusamente in numerosi posts, ma è doveroso spendere due parole per il Carignano, sul quale anche Giacomo Tachis aveva scommesso. La DOC ha nel nome l’indicazione della zona di produzione, il Sulcis, la costa cagliaritana di fronte a Sant’Antioco, chiamata Solki dai Fenici che la fondarono. E pare che siano stati proprio loro a portare questo vitigno, mentre per altri il merito fu degli Spagnoli.

E’ una storia iniziata da poco, nel 2012, ma che ha consentito di raggiungere in breve tempo ottimi risultati grazie al terroir: un terreno minerale (inconfutabile!), un vignaiolo capace ed appassionato e vitigni degni della sua passione.

Ho degustato i due Carignano in purezza prodotti ed ecco le mie impressioni.

Bertin – Carignano del Sulcis DOC 2016

La resa per ettaro di questo terreno ricco di scheletro è di soli 70 q.li/ha. La fermentazione e l’affinamento per 6/8 mesi avvengono in acciaio.

Al naso un colpo di pistola, lo sparo su cui si adagia la frutta con una bella balsamicità, un tocco di noce moscata. In bocca ha corpo, calore da vendere, tannino vellutato e chiusura sapida e fresca. 

Mandediu – Carignano del Sulcis DOC Riserva 2015

Il nome significa “mano di Dio” in dialetto Carlofortino. In questo caso la resa per ettaro è ancora più bassa: solo 60 q.li. A differenza del precedente, questo vino affina per circa 16 mesi in botti grandi.

Tanta frutta rossa, il mirto, la mineralità presente ma non più dirompente come nel precedente, accompagnano tostatura, noce moscata, pepe nero, liquirizia. La beva è elegante, sapida, fresca e con un tannino gentile.