IL TERROIR

4 ettari di vigneto nel cuore della Champagne (altri miei post) suddivisi in 6 lieux-dits fanno capire quanta attenzione abbia per il terroir questo Récoltant Manipulant. Ma d’altra parte non potrebbe non essere così, visto che da ben cinque generazioni questa famiglia produce Champagne sulle Montagne di Reims. In particolare, le vigne si trovano nel Premier Cru di Chamery, dove Perseval Farge esprime il rispetto nei confronti della natura con lavorazioni a basso impatto. Lotta integrata, bassissimo utilizzo di solforosa e mantenimento delle vecchie vigne (che hanno in media 30 anni) hanno consentito alla cantina di ottenere la certificazione HVE3.

I vini base fanno un passaggio in legno e almeno il 40% dei vini utilizzati è di riserva, vale a dire delle annate precedenti. 

LA DEGUSTAZIONE

Cuvée de Reserve

Questo Champagne è un assemblaggio di Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardonnay. La fragola e l’incenso delicati ed eleganti ci invitano a scoprire questo champagne e dopo poco una prorompente pera con il lievito appena accennato. La beva è piuttosto austera, fresca viva e sapida

Cuvée de Pinots

Come dice il nome, in questo Champagne troviamo solo i due Pinot (Nero e Meunier). Si tratta di un vino più complesso del precedente nei profumi. Qui i frutti rossi e la pera si presentano subito, insieme e poi la pasticceria, che torna netta ed elegante in retrolfattiva. Il sorso ha corpo, più struttura. Non è tagliente, ma senz’altro verticale!