IL TERROIR

La famiglia Fia coltiva la vite dal 1896 e la tradizione di famiglia, tramandata di generazione in generazione, ha consolidato la passione per gli autoctoni. Ma non si sono fermati lì, affiancando i vini classici ad una coraggiosa novità.

Ho conosciuto questa azienda al Vinitaly 2019, dove ero alla ricerca di assaggi di Favorita, per ampliare ancor più la conoscenza di questo “Vermentino espatriato”, come lo chiamo io. Sì, perché gli scambi fra popoli sono sempre virtuosi e nei traffici commerciali fra Liguri e Piemontesi, è rimasta nel Roero qualche barbatella di Vermentino. Nel terreno sabbioso di questa zona, il vitigno ha trovato le sue condizioni ideali per crescere ed è ormai considerato un autoctono.

Ho così potuto degustare Fioreto, la Favorita dell’azienda, ed anche una chicca: Letargo, un metodo classico un po’ particolare…ve ne parlo nella degustazione

LA DEGUSTAZIONE

FIORETO 2018

Le uve provengono da un’unica vigna, quindi si tratta di un cru. L’olfazione apre con tanta frutta dolce che sembra quasi troppa, ma lo aspettiamo ed ecco un bel corredo balsamico che rinfresca e quasi il salmastro a ricordare che qui c’era il mare. In bocca la rotondità e la verticalità si bilanciano, con la sapidità che ci accompagna in un finale anche più fine del naso, non molto persistente

LETARGO

Eccola la new entry di cui vi parlavo, con un graffio d’orso sull’etichetta. Un omaggio ai resti ritrovati dell’abitante della grotta, in cui ha affinato questo metodo classico.
Al naso non sembra un Pinot Nero in purezza: i 90 mesi sui lieviti lo hanno ingentilito. E’ morbido di burro e profumo di brioche, oltre ad avere un tocco balsamico e la pera che ci saluta. Nonostante gli anni sur lies non c’è una sfacciata è preponderante crema pasticciera: sarebbe stato quello il rischio! Invece i profumi sono tutti ben armonizzati. In bocca, gli aromi svelano il vitigno con un frutti rossi maturi inconfondibili, mentre mineralità e freschezza viva spuntano dopo che la bollicina fine ci ha solleticato rotonda le gengive. Il finale non è corto e verticale pulisce la bocca.